Palazzo Fortuny

  • Collezionismo Contemporaneo a Palazzo Fortuny 

    Opere dalla Collezione Enea Righi

    Prorogata fino al 6 novembre 2016

Palazzo Fortuny

QUAND FONDRA LA NEIGE, OU IRA LE BLANC. Collezionismo Contemporaneo a Palazzo Fortuny

Visita la mostra

10.00 – 18.00
La biglietteria chiude un’ora prima

Chiuso martedì

Mostra

Opere dalla Collezione Enea Righi
4 Giugno – 10 ottobre 2016 / prorogata fino al 6 novembre 2016
_

La vocazione espositiva di Palazzo Fortuny è costantemente animata dalla volontà di muoversi lungo il percorso multidisciplinare che fu appannaggio dell’esperienza artistica di Mariano Fortuny. L’esplorazione di un tema come quello del collezionismo appare dunque perfettamente in linea con l’identità eclettica e misteriosa dello stesso Fortuny, attento e sofisticato collezionista.

Con la mostra “Quand fondra la neige, où ira le blanc” – titolo “prestato” da un’opera di Rémy Zaugg –, prende vita un articolato progetto espositivo, ideato da Daniela Ferretti, che intende tracciare il profilo di alcune delle personalità più rilevanti del collezionismo contemporaneo, e di conseguenza investigare come si è evoluta la figura del collezionista, dal Rinascimento a oggi.

Un tema di grande attualità, che vede come primo protagonista Enea Righi, imprenditore bolognese che in trent’anni – guidato dalla volontà di sostenere la produzione artistica – ha plasmato una delle più importanti collezioni d’arte contemporanea presenti nel nostro paese.

Eric Mézil e Lorenzo Paini, curatori della mostra – promossa dalla Fondazione Musei Civici di Venezia e in programma dal 4 giugno al 10 ottobre 2016 –, hanno selezionato un nucleo di opere della collezione Righi partendo dalle specificità degli spazi e dalla storia di Palazzo Fortuny, definendo alcuni dei temi più significativi tra quelli che s’intrecciano nella collezione.

Ogni piano di Palazzo Fortuny è stato concepito come uno spaccato del nostro tempo, un viaggio simbolico teso verso la ricerca della propria identità. Agli artisti attivi a partire dagli anni Sessanta  e Settanta  – come Alighiero Boetti, Daniel Buren, Robert Barry, Lawrence Weiner, Enzo Mari, Superstudio e Franz Erhard Walther – sono messi in relazione alcuni tra i più rigorosi interpreti della ricerca artistica contemporanea internazionale – tra i quali Walid Raad, Thomas Hirschhorn, Philippe Parreno, Ryan Gander, Zoe Leonard, Peter Friedl – costruendo una narrativa a più voci, capace di muoversi dalle tematiche dell’architettura e della performance, ai concetti di corpo e vuoto.

Ogni piano è costruito come una tappa, un passaggio; la definizione di una prospettiva inedita, colta nel tentativo di rintracciare un senso. Quello stesso senso che per un collezionista coincide spesso con la propria vita, alla ricerca – parafrasando Zaugg – d’una traccia del bianco, dopo che la neve si sarà sciolta.

La collezione Righi – com’è proprio del più autentico collezionismo, slegato dalle leggi del mercato e da un approccio speculativo all’arte – è divenuta rappresentazione del mondo interiore del suo artefice, del suo sentire o più semplicemente d’interrogativi e paure; una personalissima decodificazione del reale, con la possibilità di leggerne in controluce il riflesso del tempo e della storia.

_

Ideazione Daniela Ferretti
A cura di Eric Mezil e Lorenzo Paini

Si ringrazia Consorzio Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore