Palazzo Fortuny

Palazzo Fortuny

Maria Grazia Rosin - GELATINE LUX

Progetto

Opere site specific realizzate in vetro soffiato dai maestri muranesi e un sistema fluttuante di suoni, in una grande installazione legata ai temi della luce e dell’acqua al piano terra di Palazzo Fortuny.
Sospese e luminescenti, esse si integrano con materiali sintetici, siliconi, luce, LED, fibre ottiche e suoni e sono introdotte da Ganxi, grande, illuminato velario in vetro borosilicato soffiato a mano.

La mostra, visitabile con l’orario e il biglietto del Museo, riprende e sottolinea la vocazione del luogo alla sperimentazione eclettica, alla perfezione nelle tecniche, all’eccellenza estetica, allo studio sugli effetti luminosi, alla riflessione – dopo Artempo – sul significato delle forme, sull’interconnessione tra i mezzi espressivi.

Curata da Silvio Fuso, è organizzata dai Musei Civici Veneziani in collaborazione con Galleria Caterina Tognon Arte contemporanea, Venezia; Gallerie Italienne, Parigi; Galleria 503 Mulino, Vicenza; Start – Associazione culturale arte contemporanea, Venezia e si realizza con il sostegno di Dainese, Vicenza; Compagnia Vetraria Muranese, Murano; Alma Fibre Ottiche, Mestrino (Padova); De Majo Illuminazione, Mirano (Venezia); Alessandrini Antonio e Genesio Spa Costruzioni Edilizie, Roma; Ca’ Pisani Hotel, Venezia; Onagro e Fuga Specchi Veneziani, Murano; Mariano Fortuny Tessuti Artistici, Venezia; Soffieria Arte Antica, Dosson di Casier (Treviso); 100+1 Cantina Griswine, Padova; Massimo Lunardon & c., S.Giorgio di Perlena (Vicenza).

Le opere esposte sono state realizzate a Murano dai maestri soffiatori Sergio Tiozzo, Pino Signoretto, Silvano Signoretto, Andrea Zilio, Massimo Lunardon. Allestimento e concetto sonoro – Visnadi & Camomatic; Video- Computer grafica- Andrew Quinn & Maria Grazia Rosin.

Catalogo Edizioni Il Poligrafo, Padova.